PERCHE' GABBANI HA VINTO IL FESTIVAL DI SANREMO 2017

Leave a Comment

Sanremo, seconda serata del Festival della Musica Italiana. Sul palco della 67esima edizione, condotta da Carlo Conti e Maria De Filippi, arriva come un treno “Occidentali’s Karma”, il nuovo inedito di Francesco Gabbani, già vincitore della categoria giovani della scorsa edizione del festival con la sua “Amen”


Il brano di quest’anno all’ascolto suona immediatamente fresco, leggero e vivace. Cantato orecchiabile su una buona base elettronica, suoni attuali, arrangiamento molto interessante ed una stesura con tanto di pausa e ripartenza “a salire” classiche della dance moderna (in passato ha lavorato con e per Alex Neri e Marco Baroni, parte dei Planet Funk).
“Occidentali’s Karma” è una sicura hit radiofonica e prossimo tormentone estivo, con tanto di balletto simpatico e "siparietto" sul palco in compagnia di una scimmia. Non è demenziale come i vari Rovazzi e simili, ma anzi piuttosto “pensato”, viste le varie citazioni nel testo de La scimmia nuda dell’antropologo Desmond Morris e diversi spunti di riflessione/critiche sulla società odierna (internettologi…l’intelligenza è démodé…risposte facili…dilemmi inutili..tutti tuttologi del web).


Francesco Gabbani, 35 anni da Carrara, è un personaggio nuovo, giovane, anche se non giovanissimo, in gamba, e anche tanto. Ha una lunga gavetta alle spalle e non è uscito dai soliti talent show che tanto vanno di moda oggi. Gabbani è qualcosa di nuovo nel panorama musicale odierno e piace, e anche tanto. 
La sua vittoria è un forte segnale di cambiamento, a dimostrazione che in Italia si può ancora emergere anche senza i talent. Gabbani ha vinto anche perchè il pubblico ha voglia di novità, probabilmente stanco delle solite ballate strappalacrime che ogni anno ci propongono i soliti noti. 
C’è un sentore di cambiamento nell’aria, c’è bisogno di sorrisi e leggerezza, ma di qualità possibilmente. E “Occidentali’s Karma” ci ha preso in pieno, riuscendo nell’impresa titanica di battere la canzone favorita di quest’anno, “Che Sia Benedetta” di Fiorella Mannoia


Per carità, tanto di cappello alle emozioni e ai testi pieni di valore, ma la musica dev'essere anche relax, sorrisi e sano divertimento. Deve aiutare a dimenticare i problemi, non a far versare ancora più lacrime di quelle che quotidianamente già si versano in questo mondo odierno. Ed è probabilmente questo il motivo per cui ha vinto il brano più vivace e fresco del festival. 
Sanremo 2017 ha svecchiato il Festival della Canzone Italiana. Ed era pure ora.



p.s. Se questo articolo ti è piaciuto, lasciami un commento qui sotto. Grazie.

Seguimi sui Social:

➜ Facebook: https://goo.gl/2CbzE3
➜ Instagram @barburofficial: https://goo.gl/kh3vyH
➜ Twitter: https://goo.gl/i7MuHF
➜ Soundcloud: https://goo.gl/xRaLCU